26 gen 2013

Il leggendario continente di Mu


Dal mito di Atlantide, a quello di Lemuria, gli uomini non hanno mai abbandonato l’idea dell’esistenza di civiltà perdute, di cui non rimangono tracce, misteriosamente cancellate da sciagure di proporzioni bibliche.

Il mito di Mu, meno conosciuto ma forse il più interessante di tutti, deve sua diffusione alla figura del colonnello inglese, James Churchward, in servizio in India nel 1870, il quale elaborò una precisa traduzione delle celeberrime tavolette di Naacal custodite in un tempio indiano, che lui riuscì a decifrare con l’aiuto di un sacerdote buddista. Secondo la sua testimonianza, queste parlavano della creazione del mondo e dell’origine dell’uomo, il quale sarebbe comparso per la prima volta proprio sul continente Mu.

La leggenda vuole poi che Mu fosse coevo di Atlantide: nello stesso periodo Mu regnava nel Pacifico ed Atlantide nell’Atlantico. Dalla traduzione si evince che esso occupava un territorio delimitato dalle attuali isole Fiji, dalle Marianne, dalle Hawaii e, nel periodo di massimo splendore, era abitato da sessantaquattro milioni di persone, divise in dieci tribù e governate dal sovrano Ra-Mu, il cui regno era identificato come l’Impero del Sole, per via della divinità adorata. Il continente fu colpito da una catastrofe causata da vulcani e maremoti, in seguito a cui circa 13.000 anni fa si inabissò definitivamente.

Tuttavia le critiche mosse alla teoria della “Terra madre” sono tante, e nascono soprattutto dalla difficoltà di trovare prove archeologiche inconfutabili che la possano suffragare. Inoltre molti dubbi aleggiano intorno alla veridicità della traduzione delle tavolette di Naacal, che, tra l’altro, nessuno ha mai più potuto vedere, oltre a Churchward ed al monaco che gliele consegnò. Forse non sapremo mai dove inizia la realtà e finisce la leggenda, solo nuove scoperte archeologiche potranno svelare l’arcano.http://viaggi.libero.it/

"Un giorno molto lontano giunsero a Ponhpei, su strane barche lucenti alcuni stranieri bianchi. Non parlavano la nostra lingua ma portavano con sé genti della nostra razza che noi comprendevamo, benché la loro lingua fosse diversa dalla nostra, per il fatto di aver adottato, da molto tempo i costumi degli stranieri. Questi ultimi narravano belle favole su una terra che si estendeva dove ora c’è il mare, con edifici meravigliosi e uomini e donne felici. Gli stranieri ci mostrarono strane arti di magia e così nacquero nell’oceano isole nuove e le nostre navi volarono sulle onde e nessuno nemico per quanto fosse forte e armato poteva abbattere le nostre fortezze. Ma un giorno venne una grande tempesta che riuscì a fare quello che gli avversari non avevano fatto. Le superbe costruzioni furono distrutte nel corso di poche ore e molte isole che prima rallegravano il mare con i loro fiori e con il canto degli abitanti, sprofondarono negli abissi. Gli stranieri che sopravvissero ci invitarono a ricominciare il lavoro; ma i nostri conterranei erano troppo pigri e non seguirono le esortazioni dei maestri che anzi cacciarono dalle loro terre. Così il popolo delle isole decadde e il fratello non riconobbe il proprio fratello."


        Questa leggenda che pone serie domande su che cosa intendessero i polinesiani dell’epoca per strani arti di magia, barche lucenti, navi volanti ecc. viene, come abbiamo detto, dall’ isola di Ponphei che si trova nell’arcipelago delle Senyavin (Caroline), apparentemente un luogo poco archeologico per il profano ma, se guardiamo bene, a detta dell’autore ci sono rovine ciclopiche sorprendenti tra cui un tempio di basalto le cui mura superano i 10 m di altezza circondate da alte rovine e da un labirinto di terrazze e canali. Considerando quindi quanto dice la leggenda: gli uomini bianchi, le barche lucenti, isole che nascono dal nulla barche che volano e le rovine ancora nascoste dalla natura del Pacifico, possiamo dire di trovarci di fronte a un vero e proprio rompicapo dell’antichità di cui è difficile ricostruirne ogni pezzo dato che gli elementi a disposizione non sono tanti e anche quelli che ci sono portano notizie di avvenimenti degni più che altro di una società alla 2001 Odissea nello spazio, piuttosto che di una società della clava e della pietra come si suole definire le più primitive civiltà. Sebbene il materiale storico e archeologico tenda a scarseggiare nell’area del Pacifico per la ricostruzione delle fonti, tuttavia, nel continente Asiatico, troviamo stranamente degli elementi archeologici collegabili direttamente con Mu che permettono se non completamente almeno in parte di fare un po’ di luce su questa terra dell’antichità; infatti, il giornalista italiano Gianni Lucarini ci riporta la notizia di un’interessante scoperta archeologica avvenuta in Asia collegabile con l’antica civiltà in questione. Egli ci racconta che nel deserto del Gobi, una regione come sappiamo alquanto desolata, fu ritrovata da parte dell’archeologo sovietico Koslow una misteriosa città molto antica chiamata Khara Khota risalente a circa 5000 anni A .C. Apparentemente, non sembrava avere nulla di eccezionale ma, continuando gli scavi, trovarono resti che risalivano addirittura a 18.000 anni fa e, insieme a queste, una strana pittura murale raffigurante due giovani sovrani e un emblema al cui centro vi era una lettera simile a M ; il tutto inscritto in un cerchio diviso in quattro parti. Certamente è un simbolo abbastanza misterioso ma, secondo la teologia occulta dell’antica scuola ebraica, il cerchio rappresenta la terra, le quattro suddivisioni simboleggiano le sue componenti principali: aria, acqua, fuoco e terra; la figura centrale ha un significato preciso come l’occhio di Dio o il pentacolo di Ezechiele (simbolo adottato poi dalla massoneria); la M poteva avere un significato politico o rappresentare il simbolo del regno dei due sovrani secondo gli studiosi; inoltre, rimaneva il problema di quale fosse il nome dell’ultima città venuta alla luce e si decise di chiamarla secondo la fonetica della lettera M cioè Mu. La scoperta archeologica avvenuta non molto tempo fa pone nuove e interessanti basi per l’enigma di Mu; ma viene da chiedersi come mai una tale civiltà si trovava in un posto geograficamente diverso da come era stato ipotizzato? Tutto è abbastanza confuso anche perché i ritrovamenti archeologici con forte riferimento alla terra di Mu non furono limitati alla città di Khara Khota, ne avvennero altri da parte dell’autore del noto libro “The lost continent of Mu “: il colonnello James Churchward che vide nella città di Ponphei una delle sette leggendarie magnifiche città di Mu. Studioso inglese e del XIX secolo, traendo quanto detto dal racconto di Gianni Lucarini, trovò in quelle terre (in un’imprecisa data dell’anno 1868, mentre si trovava proprio nei pressi del deserto del Gobi) degli strani bassorilievi, per la cui interpretazione si rivolse a un noto sacerdote del posto. Il sacerdote comunicò che furono realizzate in tempi remoti dai Naacal (grandi fratelli), che venivano dalla terra madre Mu, i quali avrebbero dato origine alle più note civiltà antiche: Egiziani, Babilonesi, Cinesi, Fenici, Indù e via dicendo. Non soddisfatto, Churchward decise di entrare a fondo nella situazione e, sfruttando certi rapporti di amicizia, arrivò in possesso di tavolette che, secondo il mito, gli antichi saggi avevano lasciato agli eredi di quelle terre; esse trattavano della storia di Mu che doveva trovarsi tra l’Africa e il Sud America simile a un quadrilatero dove il lato superiore puntava verso il Nord America e l’Asia e il lato inferiore vero l’Antartide. http://www.croponline.org/lemuria.htm

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...