09 set 2011

Basi aliene sulla Luna

C'è un "Base Aliena" sulla Luna? Sempre più persone stanno esordendo con storie che potrebbero rivelare che ci sia. Voci dicono che c'è una base lunare aliena sul lato più lontano della luna, il lato invisibile dalla Terra.
Vi siete mai chiesti perché gli sbarchi sulla Luna si siano fermati e perché non abbiamo cercato di costruire una base lunare? Lo fa sembrare un idea migliore e più facile che una stazione spaziale fluttuante senza accesso a tutte le materie prime o materiali di consumo? Secondo l'astronauta della NASA Neil Armstrong, gli alieni hanno una base sulla Luna e ci hanno detto senza mezzi termini di scendere e stare alla larga dalla Luna!
Suona esagerato? Milton Cooper, un ufficiale dell'intelligence della Marina ci dice che non solo la Base Luna Aliena esiste ma l'Intelligence US Naval Community si riferisce alla Base Luna Aliena come "Luna", che c'è una miniera enorme lì, ed è qui che gli alieni mantenere le loro navi madre enormi, mentre i viaggi verso la Terra sono realizzati in piccoli "dischi volanti".
LUNA: La base aliena sul lato più lontano della Luna. E 'stato visto e filmato dagli astronauti di Apollo. Una base, un'operazione mineraria utilizzando macchinari di grandi dimensioni, e il grande avvistamento di alieni descritti nel report come navi madre esisteva. -Milton Cooper
Apollo 11 ha incontrato UFO sulla Luna? dal libro "Above Top Secret" di Timothy Good.
Buzz AldrinAccording finora a rapporti non confermati, sia Neil Armstrong ed Edwin "Buzz" Aldrin videro degli UFO poco dopo il loro storico atterraggio sulla Luna di Apollo 11 il 21 luglio 1969. Ricordo di aver sentito uno di loro riferirsi ad una "luce" in o su un carter durante la trasmissione televisiva, seguita da una richiesta di controllo di missione per ulteriori informazioni. Niente di più è stato ascoltato.
Secondo un ex impiegato della NASA, Otto Binder, alcuni radioamatori, con le loro stazioni riceventi in VHF, che aggiravano i ripetitori televisivi della NASA hanno raccolto il seguente scambio:
NASA: Che cosa c'è lì? Controllo Missione chiama Apollo 11 ...
Apollo: questi "bambini" sono enormi signore! Enormi! OH MY GOD! Voi non ci credereste! Vi sto dicendo che ci sono altre astronavi là, allineati sul lato opposto del bordo del cratere! Sono sulla luna e ci osservano!
Nel 1979 Maurice Chatelain, Maurice Chatelain, ex capo della NASA Communications Systems ha confermato che Armstrong aveva effettivamente riferito di aver visto due UFO sul bordo di un cratere. "L'incontro era risaputo alla NASA", ha rivelato, "ma nessuno ha parlato fino ad ora."
Scienziati sovietici sarebbero stati i primi a confermare l'accaduto. "Secondo le nostre informazioni, l'incontro è stato riportato subito dopo l'atterraggio del modulo", ha affermato Vladimir Azhazha, un fisico e professore di matematica all'Università di Mosca. "Neil Armstrong comunicò il messaggio al Controllo Missione che due grandi oggetti misteriosi li stavano osservando dopo essere atterrati nei pressi del modulo lunare. Ma il suo messaggio non è mai stato ascoltato dal pubblico, perché la NASA la censurò."
Secondo un altro scienziato sovietico, Dr. Aleksandr Kazantsev, Buzz Aldrin riprese un filmato a colori degli UFO dall'interno del modulo, e ha continuato le riprese dopo che lui ed Armstrong furono usciti. Dr. Azhazha sostiene che gli UFO partirono qualche minuto dopo che gli astronauti fossero usciti sulla superficie lunare.
Maurice Chatelain ha anche confermato che Apollo 11 trasmissioni radio sono state interrotte a più riprese in modo da nascondere la notizia da parte del pubblico. Prima di disperdere le affermazioni sensazionali di Chatelain, vale la pena notare il suo background impressionante nel settore aerospaziale e programma spaziale. Il suo primo lavoro dopo il trasferimento dalla Francia era come ingegnere elettronico con Convair, specializzata in telecomunicazioni, telemetria e radar. Nel 1959 è stato responsabile di un gruppo di ricerca elettromagnetico, lo sviluppo di nuovi radar e sistemi di telecomunicazione per Ryan. Uno dei suoi undici brevetti è stato un volo automatico sulla Luna. Più tardi, al North American Aviation, Chatelain è stato offerto l'incarico di progettare e realizzare le comunicazioni Apollo e sistemi informatici.
Chatelain sostiene che "tutti i voli Apollo e Gemini sono stati seguiti, sia a distanza e, a volte anche molto da vicino, da veicoli spaziali di origine extraterrestre, dischi volanti, o UFO, se si desidera chiamarli con quel nome. Ogni volta che si è verificato, gli astronauti informavano il Controllo Missione, che poi ha ordinato il silenzio assoluto. " Egli continua dicendo:
"Credo che Walter Schirra a bordo di Mercury 8 è stato il primo degli astronauti ad usare il nome in codice 'Santa Claus' per indicare la presenza di dischi volanti accanto alle capsule spaziali. Tuttavia, i suoi annunci furono appena notati dalla maggior parte delle persone."

http://www.ufocasebook.com/moon.html

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...