18 nov 2010

Base italiana in Antartide

E' aperta la base italiana in Antartide ''Mario Zucchelli'' a Baia Terra Nova e la spedizione 2010-2011 puo' contare su un finanziamento di 18 milioni e 140 fra ricercatori e tecnici: una situazione finalmente diversa rispetto al passato, anche se il finanziamento e' ancora molto lontano dai circa 30 milioni necessari.

E' anche il primo anno che la spedizione parte con un nuovo assetto organizzativo del Programma nazionale ricerche in Antartide (Pnra), ridisegnato il 30 settembre scorso dal decreto dei ministeri dell'Istruzione, Universita' e Ricerca (Miur) e dello Sviluppo economico. Secondo il nuovo assetto, la Commissione scientifica nazionale per l'Antartide e' nominata dal ministro della Ricerca con compiti di indirizzo strategico; il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e' incaricato di programmazione e coordinamento scientifico, gestione e diffusione dei risultati; l'Enea e' incaricata dell'attuazione delle campagne.

''L'Antartide e' un laboratorio di importanza strategica inestimabile'', osserva in una nota il il presidente del Cnr, Luciano Maiani. Soddisfatto anche il commissario dell'Enea, Giovanni Lelli: ''Con il rilancio della ricerca italiana nelle aree polari l'Enea riprende il suo ruolo di programmatore e gestore tecnico-logistico del Pnra''.

Astronomia, fisica dell'atmosfera, biologia marina e studio del clima sono le aree nelle quali saranno condotte le ricerche di questa spedizione. Anche quest'anno, pero', i ritardi si sono fatti sentire e non c'e' stato il tempo utile per avere a disposizione la storica nave oceanografica Italica, veterana delle spedizioni italiane in Antartide.

Al momento si trovano a Baia Terra Nova 66 persone e 25 (tra italiani e francesi) sono a Concordia, la base italo-francese a Dome C, sul plateau. Sono 14 gli italiani che si preparano a trascorrere li' il prossimo inverno antartico e a capo della spedizione ci sara' il chirurgo italiano, Andrea Cesana, di Bari. Partita in leggero ritardo per il maltempo, la nuova campagna antartica e' iniziata con una nota triste: quattro membri della spedizione francese sono morti in un incidente di elicottero dovuto alla nebbia e la base ''Zucchelli'' ha accolto i corpi delle vittime per consentirne il rientro in Francia. http://www.ansa.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...